Contro il complottismo, il “Ministero della Verità”?

orwellVi sarà qualcuno che vigilerà per noi che, mentre possiamo stare tranquilli con “Il Corriere della Sera” o con Repubblica”, con Mentana o con Fazio, siamo in balia invece, in Internet e più precisamente nei social, di notizie “false” progettate apposta dai tanti complottisti che imperversano in rete. Secondo il Capo dell’antitrust(?) Pizzinato, il ruolo assunto dai vari debunker (smascheratori di complotti) tipo Saviano, Gruber…non è più sufficiente, come non è più sufficiente confidare sulla buona volontà di Google, di facebook, di Twitter. Si rende necessario contro le “false”notizie creare un team di esperti nominati da Bruxelles che sappia cancellare le “false” notizie, senza dover ricorrere alla magistratura, un tribunale contro i complottisti, un “Ministero della verità” come ebbe a chiamarlo Orwell, il profeta Orwell che in effetti aveva l’idea di una società umana terrificante come quella verso cui staiamo precipitando

Ho il sospetto tuttavia che più che alla ricerca di notizie relative all’avvistamento di “alieni di gomma”, il Pizzinato, sulla scia di preoccupazioni che arrivano da Oltreoceano, sia interessato a tutte quelle falsità che ruotano attorno a personaggi come Obama (l’assassinio dell’ambasciatore russo; il golpe in Turchia; il sostegno ad Al-Qaeda e all’Isis; l’uccisione mirata di sospetti terroristi, le stragi di massa con i suoi droni), come Hillary Clinton (l’aggressione contro la Libia per contrastare la moneta africana che Gheddafi stava per varare, l’invasione della Siria per favorire da una parte l’espansionismo di Israele e dall’altra favorire la nascita di uno stato salafita) o a fatti che sebbene siano stati chiariti in modo esemplare dalle autorità competenti ( vedi torri gemelle-che poi sono tre, le stragi di Bataclan, di Nizza, di Berlino ad opera di terroristi individuati da passaporti e affini) continuano ancora ad essere oggetto di dibattito complottistico.

RIsulta evidente che il “Ministero della Verità” andrà alla ricerca di notizie “vere” e di ipotesi credibili per cancellarle e diffondere notizie “false” al servizio del potere, tipo “fosse comuni con diecimila morti uccisi da Gheddafi”, “Milosevic genocida” (nessuna notizia di stampa sulla riabilitazione), “aereo malese colpito in Ucraina dai militanti del Donbass”

L’attacco alla libertà di espressione entra, secondo me, nel vivo. Perché nel vuoto di una reale opposizione che sia coraggiosa e responsabile, militante e credibile, l’attacco della grande finanza, tramite i suoi burattini a Bruxelles, a Roma e nelle presidenze regionali, contro la Costituzione procederà con arroganza (vedi tra l’altro l’incredibile verdetto della Cassazione secondo la quale il diritto al profitto è motivo valido per i licenziamenti) interessando ovviamente non solo la seconda parte ma anche la prima. Operazione necessaria per abbattere qualsiasi parvenza di democrazia e toglierci la libertà di espressione e di movimento
Dobbiamo resistere fin da subito cercando grandi alleanze democratiche contro la nuova reazione rappresentata dalla ex sinistra in nome di una vera sinistra e di un fronte unito.


fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...