DISGREGAZIONE TOTALE. NOI NON CI STIAMO !

Sul quotidiano della perfida Albione, The Economist, dello scorso 29/04/2010 é apparsa una cartina geografica fintamente comico-surreale, prospettica di un futuro immaginario (ma non troppo considerando per esempio la situazione attuale belga !), che riguarda invece per Noi un “disegno strategico” ben seriamente delineato e già opzionato. Quello per una “eurolandia” della disgregazione utile a concedere alla cupola dell’usura apolide internazionale il vantaggio di imperare sulle divisioni per meglio mantenere sotto schiavitù l’anelito di Libertà ed autodeterminazione dei Popoli della Civiltà del nostro continente contro ogni ingerenza esterna alla propria Storia, Tradizione e Cultura, Unica nelle sue pur differenti specificità, che proviene dalla millenaria consapevolezza dell’appartenenza alla Stirpe Indo-Europea.

In Italia il “cavallo di Troia” é rappresentata oltre che dagli “internazionalisti” e gli “universalisti” di varie coloriture e parrocchie al soldo degli agenti anti-nazionali, in questo momento anche e soprattutto da un movimento come la Lega Nord “per l’indipendenza della padania” che si é fortificato in termini di consenso in virtù della pochezza del partitismo italiota in generale e di molta superficialità da parte di ambienti post-neo”fascisti” che hanno fornito ad essa, consapevolmente o meno,  anche un’aurea paradossalmente “nazional-rivoluzionaria” che non merita e che é fuorviante.

Inoltre, pericolosamente nella sua partecipazione anche al governo nazionale con vari ministeri, tra cui quello addirittura dell’interno (cioé preposto al controllo dell’ordine pubblico !) può vantarsi di essere un movimento di “lotta e di governo” allo stesso tempo tanto da mantenersi in un limbo utile a qualsiasi necessità.

Analizzata dalla nostra ottica di forza “anti-sistema” ma saldamente ancorata ai principi sacrali di Sangue e Suolo non solo non possiamo permettere questa ambiguità di fondo che viene utilizzata per pescare gli “allocchi” ma ci poniamo senza alcun compromesso contro ogni tentativo – morbido e/o radicale che potrà essere – di portare a termine progetti disgreganti e secessionisti nel momento stesso in cui proprio il “sistema” non sarà o non vorrà entrare in conflitto con tale progetto per evidenti commistioni ed utilità di logge e lobbies che magari volessero optare per un patto di transazione giuridica confacente ad interessi economicisti della plutocrazia sovrastrutturale.

Dunque ci porremo di traverso innanzitutto contro elementi discutibili di appartenenti a tale movimento che pretendono addirittura di essere rappresentazione di un fenomeno “parafascista” pescando malevolmente anche nella Memoria dei Caduti della Repubblica Sociale ITALIANA senza averne alcun diritto morale ed autorizzazione politica, come taluni parlamentari obesi nel corpo e nella mente, ma più in generale attaccheremo dialetticamente per autodifesa qualunque provocazione che da ora in avanti la Lega Nord proporrà contro la Nazione Italica ETICAMENTE intesa.

D’altra parte contrasteremo tutta la partitocrazia di ispirazione “ciellenista” (in ogni sua variabile nominalistica ma omologata ed omogenea dall’estrema sinistra all’estrema destra) incapace di reazione perché anch’essa venduta al Nemico della Nazione già dai tempi dell’invasione anglo-americana del 1943.

Le nostre non sono vuote minacce; sono consapevoli promesse che sapremo mantenere !

La Presidenza del Centro Studi Socialismo Nazionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...